Mercato immobiliare

Come prepararti al mercato immobiliare post Covid-19

Articolo di Gerardo Paterna 30 aprile 2020

Devi decidere adesso come posizionarti nel mercato immobiliare dopo il lockdown.

Stai cercando la tua sfera di cristallo?

Vivi in un periodo denso di informazioni dove economisti e sociologi, operatori sanitari e politici, sono generosi produttori di pensieri nella guerra contro Covid-19. Il flusso delle informazioni su questo tema è immenso, il pagliaio molto grande e l'ago troppo piccolo per essere trovato.

Come agente immobiliare ti sarai reso conto che nessuno è in grado di vedere prima di te, in modo affidabile, cosa succederà domani. Il contesto è nuovo per tutti ed il mercato che troverai domani è fuori dal tuo controllo.

La buona notizia è che dovrai continuare a fare quello che ti riesce meglio: soddisfare le esigenze di venditori e acquirenti in un quadro socialmente più distante, essendo pronto ad affrontare cambiamenti inattesi che potrebbero verificarsi.

L'impatto nella vita delle persone

Non devi essere un veggente per capire che questa emergenza sanitaria produrrà effetti diversi sulle persone. La preoccupazione comune riguarderà la propria economia. Questa inciderà sul proprio stile di vita e sulle decisioni legate all'acquisto e alla vendita di casa. Ecco alcuni contesti sui quali dovresti riflettere:

  • Famiglie con figli -  Con le università e le scuole chiuse i figli rimangono in casa con la previsione di mesi da trascorrere in e-learning. Molti genitori che svolgono professioni di concetto, stanno già lavorando a tempo pieno in modalità telelavoro o smart working. Parecchi proprietari di case scopriranno che le loro abitazioni sono diventate improvvisamente piccole e lo spazio acquisirà un nuovo valore.

  • Generazioni sotto lo stesso tetto - L'impatto economico si manifesterà con la perdita di posti di lavoro. Questo inciderà sulla capacità reddituale delle persone, sui piani studi universitari, sulla pianificazione pensionistica ed in altri modi ancora. La nuova normalità potrebbe riproporre il modello delle 3 generazioni sotto lo stesso tetto (nonni/genitori/figli). Da un lato una gestione finanziaria più efficace, dall'altro l'esigenza di case, anche in affitto, più grandi per rispondere alle esigenze di tutti.

  • Si ritorna da mamma e papà - Abbiamo assistito al rientro massivo di studenti fuori sede e giovani professionisti in famiglia, nelle città natali. Molti di questi potrebbero non tornare più nelle aree metropolitane. Questo non è un fenomeno italiano, la stessa tendenza si è registrata anche in altri paesi del mondo. 


Queste situazioni potrebbero ridisegnare il concetto di "abitare". Probabilmente alcune categorie di lavoratori rimarranno in smart working in modo permanente. Stessa cosa per alcune classi di studenti che resteranno digitali. Invertiremo le dinamiche di spostamento fisico, ci sarà più mondo esterno che entrerà nelle nostre case.

Cambia l'acquisizione

Tutto questo deve orientare la tua attività di acquisizione. Grandi appartamenti e case unifamiliari potrebbero entrare nei trend di ricerca. Mantieni lo sguardo vigile su queste caratteristiche:

  • abitazioni dotate di uno o più studi;
  • case con verande e balconi;
  • presenza di 2 o più bagni;
  • garage e spazi accessori.
     

Insomma, un ritorno al passato.

Un altro aspetto riguarda le moratorie su mutui e finanziamenti immobiliari. Questi provvedimenti potranno dare sollievo per un po', ma prima o poi termineranno. Seguirà un aumento del numero di immobili messi in vendita, volontaria o forzata. L'affitto potrebbe confermarsi un vivace segmento di mercato.

L'attività degli investitori professionali, in un mercato ricco di offerta, dovrebbe aumentare. Anche l'instabilità dei mercati finanziari potrebbe incentivare un ritorno al mattone, un luogo relativo sicuro dove mettere i propri soldi.

La tua strategia basata su competenze e marketing

La preparazione è la chiave per afferrare le opportunità di crescita di un nuovo mercato. Anche se in queste settimane sei stato tra quelli che hanno fatto una vera e propria scorpacciata di formazione digitale, il riavvio delle attività non ti esonera dal continuare la tua formazione. 
 
Devi prepararti a lavorare in segmenti di mercato, anche ristretti, dove saranno richieste competenze specifiche: aste immobiliari, valutazioni certificate, consulenza per aziende, mercati internazionali.
 
Alla competenze devi aggiungere un grande piano di comunicazione digitale basato su contenuti originali. Una condivisione di competenze per creare la tua comunità di riferimento ed occupare tutto lo spazio lasciato libero dalla concorrenza. 

Valuta di investire su un media proprietario (blog), seleziona le piattaforme social sulle quali essere presente, sperimenta video e strumenti di messaggistica, crea una narrazione convincente e autentica. Ricorda che non potrai parlare a tutti, ma che il tuo obiettivo è raggiungere il maggior numero di persone compatibili col tuo modo di essere.

Lavora sulla qualità del tuo team e pensa a metodi di reclutamento efficace. La tua strategia complessiva deve coprire almeno i prossimi 12-18 mesi. 

Nessuno può prevedere con esattezza come la tua vita cambierà a lungo termine, ma tutti sentiamo che il cambiamento è nell'aria. Ora più che mai dipende da te controllare le tue attività quotidiane e lavorare su relazioni proficue. Scelte ed opportunità torneranno sul tavolo e spetterà a te aiutare i tuoi clienti a valutare le migliori opzioni disponibili.

Gerardo Paterna

Gerardo Paterna lavora da oltre 20 anni nel settore immobiliare. Oggi è tra i più riconosciuti blogger immobiliari e consulente per professionisti, aziende e startup innovative del real estate italiano. È co-fondatore di RETV, la web tv dell'immobiliare italiano e collabora con il Club di Mentor ed Esperti del Polihub, l'Innovation District & Startup Accelerator del Politecnico di Milano. Autore del libro "Comprare e Vendere casa - Luoghi comuni, protagonisti e verità di un mercato in continua evoluzione" (Dario Flaccovio Editore).

Visita il mio profilo